Se vuoi guidare il cambiamento senza esserne travolto, faresti meglio a capire che la digitalizzazione è un abilitatore di processo e non solo un facilitatore. Te lo spieghiamo qui.

La cultura del digitale è strettamente correlata alla nostra quotidianità all’interno delle organizzazioni. Per stare al passo con la velocità dei cambiamenti che la tua azienda vive ogni giorno non puoi prescindere da un concetto: quello di digitalizzazione. Ti spieghiamo cos’è, a cosa serve e come raggiungerla. 

 

Le basi della digitalizzazione

Cominciamo dall’inizio. Digitalizzare non significa soltanto introdurre tecnologie digitali all’interno della tua organizzazione. Significa, più in generale, dematerializzare (digitalizzare) i processi aziendali. Ma non è solo questo. Il digitale non è solo un facilitatore, ma anche un abilitatore di processo e lo è soprattutto nel settore HR. 

Persone al centro

Uno dei credo di K-Rev è Humanizing the Digital. Perché il futuro della digitalizzazione non è digitalizzare le persone, l’azienda o i processi ma, al contrario, umanizzare il digitale.

È stato dimostrato come la digitalizzazione aumenta l’engagement delle persone. Questo perché le persone e il settore HR ha finalmente la possibilità di dare strumenti che consentano letture e analisi di dati che, senza digitalizzazione, sarebbero impossibili. Valutare le persone a 360 gradi con feedback continui e in tempo reale. Ma soprattutto con dati sicuri ed equi. Questo è solo uno degli aspetti principali della digitalizzazione applicata al campo HR.

 

Guidare il cambiamento

Il digitale non è solo un acceleratore del processo ma un abilitatore. Occorre cioè governare la digitalizzazione. Come? Attraverso strumenti e pratiche che ti permetteranno di diffondere nella tua organizzazione conoscenza e saperi nuovi, facilitando la cooperazione e la collaborazione tra le parti diverse dell’organizzazione, cioè le persone. E’ questa l’unica via che hai per aumentare le possibilità di uscire dalla crisi.

 

Le chiavi della digitalizzazione

In concreto cosa dovresti fare? Se ancora non te ne sei accorto il futuro è già tra noi, e per costruirlo possiamo partire da questi 6 punti, delineati dal World Economic Forum per l’Industria 4.0:

 

  • Sviluppare nuove capacità di leadership

 

  • Gestire l’integrazione della tecnologia nella forza lavoro

 

  • Migliorare l’esperienza dei dipendenti

 

  • Costruire una cultura dell’apprendimento agile e personalizzata

 

  • Stabilire metriche per la valutazione del capitale umano

 

  • Incorporare diversità ed essere inclusivi

 

Uno sguardo oltre

Ma stare al passo con i tempi non basta, bisogna sempre essere un passo avanti. Per questo i 6 punti sopra descritti devono essere integrati con i concetti trainanti dell’Industria 5.0 (evoluzione naturale della 4.0):

 

  • Resilienza
  • Umano-centrismo
  • Sostenibilità

 

La risposta

Digitalizzare quindi non significa semplicisticamente porsi la domanda “cosa può fare la mia azienda” ma invece domandarsi “cosa può fare la mia azienda con l’aiuto del digitale”. Mettere cioè al centro l’essere umano e dotare l’organizzazione di strumenti digitali per consentire all’essere umano di prendere decisioni. E’ la persona che continua a prendere decisioni, non la macchina. Facendolo con l’aiuto di strumenti e tecnologie che ti permetteranno di avere dati quanto più realistici possibili.

 

Leggi anche: Le aziende più performanti sono quelle che MOTIVANO

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.